Bonus mobili ed elettrodomestici: ecco tutti i requisiti e le tipologie di spese

 

Intro: Anche per tutto il 2021 è possibile usufruire del bonus mobili ed elettrodomestici, che consiste in una detrazione Irpef del 50% sulla spesa effettuata. Vediamo nei dettagli come funziona, quali sono i requisiti e le tipologie di spesa

 

 

H2 Bonus mobili ed elettrodomestici 2021, come funziona

La Legge di Bilancio 2021 ha confermato la detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici. Il bonus mobili fa parte di quella serie di agevolazioni e incentivi per promuovere l’efficienza energetica messi in campo dal governo.

 

Il bonus mobili ed elettrodomestici 2021 indica una detrazione Irpef del 50% per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavasciuga), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

L'agevolazione spetta anche per gli acquisti effettuati nel 2021, ma potrà essere richiesta solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia iniziato a partire dal 1° gennaio 2020.

 

La detrazione va ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro. Per il 2021 il tetto di spesa massimo è stato elevato a 16.000 euro. L’importo del bonus mobili si riferisce inoltre a una sola unità immobiliare: ciò significa che, se un contribuente dovesse effettuare interventi di ristrutturazione su più unità immobiliari, questi avrà la possibilità di usufruire del beneficio più volte.

La detrazione spetta per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2021 per l’acquisto di:

 

  • mobili nuovi
  • grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+, (A o superiore per i forni e lavasciuga), per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica.

 

A titolo esemplificativo, rientrano tra i mobili agevolabili: letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

 

Non sono agevolabili, invece, gli acquisti di porte, di pavimentazioni (per esempio, il parquet), di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo.

 

H3 Come usufruire del bonus mobili ed elettrodomestici 2021

Per usufruire dell’agevolazione è necessario che la data di inizio lavori sia anteriore a quella in cui sono sostenute le spese per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici. La data di avvio potrà essere provata dalle eventuali abilitazioni amministrative o comunicazioni richieste dalle norme edilizie, dalla comunicazione preventiva all’Asl (indicante la data di inizio dei lavori), se obbligatoria, oppure, per lavori per i quali non siano necessarie comunicazioni o titoli abitativi, da una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

 

Per quel che riguarda i grandi elettrodomestici, la norma limita il beneficio all’acquisto delle tipologie dotate di etichetta energetica di classe A+ o superiore, A o superiore per i forni, se per quelle tipologie è obbligatoria l’etichetta energetica. L’acquisto di grandi elettrodomestici sprovvisti di etichetta energetica è agevolabile solo se per quella tipologia non sia ancora previsto l’obbligo di etichetta energetica. Rientrano, per esempio, fra i grandi elettrodomestici: frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

 

Nell’importo delle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici possono essere considerate anche le spese di trasporto e di montaggio dei beni acquistati, purché le spese stesse siano state sostenute con le modalità di pagamento richieste per fruire della detrazione (bonifico, carte di credito o di debito).

 

Chi può usufruire del bonus mobili ed elettrodomestici 2021

La realizzazione di lavori di ristrutturazione sulle parti comuni condominiali consente ai singoli condòmini (che usufruiscono pro quota della relativa detrazione) di detrarre le spese sostenute per acquistare gli arredi delle parti comuni, come guardiole oppure l’appartamento del portiere, ma non consente loro di detrarre le spese per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici per la propria unità immobiliare.

 

L’acquisto di mobili o di grandi elettrodomestici è agevolabile anche se i beni sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio. È però fondamentale fare molta attenzione alle modalità con le quali si effettuano i pagamenti delle ristrutturazioni o altri interventi. I pagamenti devono risultare tracciabili, quindi effettuati tramite bonifico bancario o carta di debito o credito. Non è possibile usufruire del bonus mobili 2021 tramite assegni bancari, in contanti o con altri mezzi di pagamento.

 

Il bonus mobili quindi si inserisce all'interno di un piano di incentivi introdotti per le ristrutturazioni delle unità abitative che si completano con l'acquisto di nuovi arredi ed elettrodomestici.  Grazie a queste agevolazioni è possibile risparmiare sui costi degli interventi, ma anche sui costi dei consumi in ottica futura. Scegliendo un fornitore adatto alle proprie esigenze di utilizzo, i costi delle bollette saranno nettamente inferiori. Inoltre questi lavori risultano un reale beneficio per l'ambiente, per il quale è invece importante stipulare tariffe Green.  Salvaguardare l'ambiente è una priorità per tutti. Ed oltre che essere un bene per l'umanità, è anche un bene per le tasche! Molti fornitori per questo hanno deciso di proporre offerte vantaggiose che mirano alla salvaguardia dell'ambiente.Quindi è importante scegliere tariffe che ti facciano risparmiare sia a livello di costi che di sprechi energetici. Per questo se stai traslocando e devi effettuare una voltura, un subentro o un allaccio delle utenze, puoi scegliere un fornitore che sia in in linea con le tue esigenze di consumo. Dopo aver esaminato le grandi novità introdotte dal bonus mobili, è utile ricordare anche quali sono gli interventi legati all'ecobonus 2021 al 65%

  • installazione di pannelli solari;
  • sistemi di building automation, per i quali è necessario avere una connessione internet veloce ed efficiente ad esempio stipulando contratto con un gestore che propone le migliori offerte internet, che possa farti gestire ed analizzare i consumi in tempo reale. Grazie alla domotica puoi capire se il tuo fornitore è adatto alle tue esigenze di utilizzo;
  • scaldacqua a pompa di calore;
  • generatori ibridi, cioè costituiti da una pompa di calore integrata con caldaia a condensazione.